FORTE E CHIARO: Mensile del MEDIO FRIULI – novembre 2018

FORTE E CHIARO: Mensile del MEDIO FRIULI – novembre 2018

CODROIPO  (UD)   

GIANPIERO COSSU: I MOSAICI IN AUSTRALIA
PARLANO IL FRIULANO DI RIVOLTO

 Nasce a Rivolto nel 1979
e, dopo aver studiato  alla  scuola per mosaicisti di Spilimbergo e  un’esperienza di lavoro a Vicenza,  nel 2009 matura la decisione di  andare in Australia, dove fa  conoscere e apprezzare la sua arte di
mosaicista.  Spinto dal desiderio di fare
esperienza lavorativa  all’estero e
vedere posti nuovi, sceglie l’Australia dove il mosaico non è conosciuto.  A 
Melbourne  ha  modo di affermarsi in un settore di nicchia
e  cimentarsi in progetti diversi anche di
creazione di mosaico artistico. Le sue opere, realizzate insieme all’ amico
Fabian Scaunich, giovane italo-australiano i cui genitori  sono originari delle Valli del Natisone, sono
sparse in tutta la città e non solo. Si possono incrociare sui marciapiedi di
Hampton Street o Chapel Street,  in una
vineria sulla Mornington Peninsula nel centro di scienze dello Scotch College
di Hawthorn, in locali e case private di tutto il Victoria  e perfino a Sydney, dove  realizzano un’opera per i 150 anni della posa
della prima pietra della chiesa anglicana di San Giuda a Randwick.

“ La bellezza del lavoro
in Australia  – spiega Gianpiero  – è che ogni committenza è diversa sia per
quanto riguarda il tipo di disegno, dello stile, della tecnica e dei materiali
utilizzati”.

Un altro esempio di
lavoro importante e rappresentativo del valore del mosaico artigianale, è il
restauro del pavimento del Forum Theatre, inaugurato nel 1928, in stile
neogotico, dirimpettaio di Federation Square e con un lato che dà sulla celebre
Hoslers  Lane. Gianpiero, Fabian e il team
di Mosaic Republic,  hanno rimosso tutte
le tessere delle parti danneggiate della pavimentazione recuperandone una buona
parte.  15 mila sono stati i pezzi che
hanno dovuto lavare e pulire, uno a uno con una molletta, da tutti i lati e
ordinando i restanti a una ditta francese, l’unica al mondo che ancora produce
tessere simili.  Dopo l’attento restauro,
inserito nel prestigioso Victorian Heritage Register, il Forum Theatre ha
ritrovato una parte  dell’antico splendore.  

A Hampton, invece, su
commissione, sono stati realizzati dodici mosaici, di stili, storie e materiali
diversi, per le segnaletiche inserite sui marciapiedi della via principale.
Ogni mosaico è contenuto in telai di acciaio, appositamente predisposti.

Alla domanda “Perché hai scelto la scuola di Spilimbergo?
Gianpiero risponde che si è trattato di un colpo di fulmine e di una passione
per il mosaico nata appena varcata la soglia della scuola. “Il mosaico è
un’arte antica e affascinante – continua – 
perché le tecniche e i materiali sono rimasti pressochè immutati nel
tempo. La sua bellezza sta nel fatto che, partendo da un sasso o da pezzi di
pietra, si ricavano pezzettini, che di per sé potrebbero essere di scarso
valore ma che danno origine a disegni, volti, paesaggi, opere d’arte”

“In Australia come è considerato il
mosaico?”
“ Il mosaico qui, per come lo intendiamo noi,  non è granchè conosciuto nonostante ci siano
alcuni grandiosi esempi come al War Memorial di Canberra. Il potenziale però
c’era tutto, quindi la sfida è stata creare un mercato dal niente, e devo dire
che ci stiamo riuscendo.“ chiarisce Gianpiero.

Oltre alle opere su commissione, riesci a riservare uno spazio d’arte
per te?
” “Sì, c’è una parte  in cui
mi piace creare mosaici per me stesso. Il mosaico permette di comporre qualcosa
di bello e creativo con materiali diversi. In questo sta il suo fascino”. 

“Progetti futuri?”

Nel corso degli anni il
team di Mosaic Republic si è allargato. Ora ci sono anche Alberto, giovane
mosaicista di Oderzo, e Marco, un nostro collaboratore che vive a Spilimbergo.
Siamo un bel gruppo e stiamo cominciando ad avere un bel portfolio, quindi per
il futuro vorremmo inserirci nel settore delle opere pubbliche, creare opere
più grandi e visibili a un pubblico più ampio.”

Gianpiero ci tiene a
ricordare come, dal Friuli, il mosaico a Melbourne  torni a essere portato in vita dalla maestria
degli artigiani italiani proprio come successe nel secolo scorso e alla fine
dell’Ottocento quando vennero avviate numerose imprese di connazionali, i cui
lavori sono ancora visibili in giro per la città.

Il mosaico, dunque, è
arte tradizionale che si rinnova e che in Australia, più che in Italia, trova
sbocchi inaspettati per i giovani talenti di casa nostra.

CODROIPO                                            CLASSE 1952
in tour a Brescello

Nel 1952, a
Brescello fu girato il primo della fortunata serie di film interpretati da Gino
Cervi e Fernandel, Don Camillo. La classe 1952 di Codroipo ha voluto vedere di
persona il paese che fu il set della storica pellicola, partecipando al tour
organizzato per il piacere dell’incontro e della condivisione di una giornata
in armonia, insieme ai simpatizzanti.  
Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag