8 marzo 2021 Festa della Donna in tempo di Covid

8 marzo 2021        Festa della Donna in tempo di Covid

8 marzo 2021 Festa della Donna in tempo di Covid

Oggi, è una data speciale, la seconda senza evento: La FESTA DELLA DONNA.
Ero abituata a rendere onore a questa ricorrenza, insieme a tante altre donne, fino a 200.
Dal 1985, infatti, organizzavo cene e, poi, gite con le donne, cercando anche autiste donne – poche – a dir la verità.
Anche l’anno scorso, avevo un folto stuolo di donne iscritte – con Abaco Viaggi – al tour in Friuli, al castello di Susans e a San Daniele del Friuli.
Due giorni prima, il 6 marzo, le prime avvisaglie di una possibile chiusura, poi rivelatasi vera.
Tutto ANNULLATO.
Castello chiuso, ristorante chiuso, catering chiuso.
Iniziava la CHIUSURA.
Da allora, è stato un incedere senza sosta di chiusure, fermi, fino al Lockdown del 12 marzo, durato 53 giorni. Dal 3 maggio 2020, un po’ di sollievo e spiraglio di libertà. L’estate, sì, ha dato respiro, fino a settembre. Da allora, nulla è cambiato.
Siamo all’8 marzo, un anno dopo e tutto è uguale: siamo colorati, in arancione. Ovvero chiusi nel comune di residenza.
Siamo fermi, sì, ma le idee, la creatività. la scrittura Volano. Eccome, se volano!
Ecco la mia poesia di oggi:
IN TRANSITO
In transito nella vita
solfeggio solitudini
e scrivo fiabe
e spicco voli,
su ali di parole
ricamate a punto croce,
e mi lascio baciare dal tempo
e non liscio i suoi disegni
e non spacco specchi
e non smetto
di consumare tacchi
di coraggio e rispetto.
In transito nella Vita,
insieme a tutte le Donne
come me.
Le conseguenze di un anno di pandemia sono inenarrabili, e oggi, non abbiamo quello slancio, quella fiducia di un anno fa.
Eppure teniamo duro. Sembra incredibile, ma siamo qui. A scrivere, a  dire, a nutrire speranze. Per chi? Per i  nostri figli, nipoti, che hanno diritto di crescere e transitare sulla strada della vita che hanno scelto.

Siamo qui, tutti, con uno scopo già premeditato e studiato.

Oggi, la situazione di pandemia ed economica è grave, inutile negarlo.
Il 98% di chi ha perso il lavoro è donna, e ancora una volta sono le donne a pagare il prezzo più alto.
Ancor con maggiore forza, dobbiamo essere unite e augurare di farcela alle donne umiliate, offese, disoccupate, sottopagate, perché si annulli la disparità di genere, non figlia della pandemia ma di un sempre troppo lungo.
L’8 marzo è anche il giorno contro la violenza alle donne.
Ci sono tanti tipi di violenza, e il femminicidio non è che un aspetto.
A tutte noi, un ramo di mimosa, il fiore a forma di stella, che soffre se messo in acqua.
La festa della
Donna dell’8 Marzo è un’opportunità per noi donne, per dire ancora più
forte: CI SIAMO!Ma non siamo presenti solo nella vita di tutti giorni, siamo presenti
anche nel web, con i nostri blog, con i nostri siti, con le nostre parole
che parlano di vita, di sogni, di cultura, di musica.Siamo tante…sempre di più e allora facciamoci vedere, mettiamo questo
ramo di mimosa nel nostro blog o nel nostro sito, tanti rametti insieme
faranno un mazzo
enorme, e il la luce di questo colore giallo
della mimosa illuminerà il web!

La luce di questo grande mazzo darà luce a quel buio dove spesso
vogliono relegare i nostri pensieri le nostre capacità, la nostra forza e
il nostro coraggio.

Questa iniziativa è aperta sia a donne che uomini, uomini che hanno capito
la nostra luce, il nostro cuore, che non vogliono che le donne siano
avvolte dal buio dei pregiudizi, della violenza, dell’ignoranza, a
qualsiasi uomo voglia festeggiare con noi.

Foto Festa Donna, dal 2010: Villa Morosini, Villa Godi Malinverni- 2011, Museo della Donna – Villa Mazzucchelli 2012, Castello Bevilacqua 2013, Villa Barbaro e Maser  2014, Castello Thiene 2015, Castello Bevilacqua 2016, Villa Chiminello 2017, Castello Giol 2018, Castello Formentini 2019

Un grazie immenso!
https://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_internazionale_della_donna
Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag