Viaggio a VALBELLUNA – BL 21 - Pierina Gallina news

Viaggio a VALBELLUNA – BL 21

Viaggio a VALBELLUNA – BL 21

 

Dal 13 al 16 maggio 21,  in viaggio in Valbelluna, su invito  del Consorzio turistico Dolomiti Prealpi, che – in sinergia con partner locali –  ha promosso un educational per  tour operator e agenti di viaggio del Veneto, Friuli e Lombardia.

L’obiettivo era far loro conoscere, e vivere, le peculiarità di un  territorio vocato al turismo del ben stare, adatto a famiglie e ai cultori dell’arte, della natura, dello sport e del buon cibo. Tutte le proposte  – coordinate da Filippin Viaggi e accompagnate dalla guida Isabella Pilo – sono state apprezzatissime:  dall’escursione cicloturistica a quella naturalistica del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, dall’architettura rurale all’interessante  workshop con i responsabili e gli operatori locali, a Pedavena.

Fin dal primo dei quattro giorni di full immersion, agli operatori turistici è parso evidente come la Valbelluna sia un pieno di eccellenze a tutto tondo nonchè ghiotta opportunità turistica per ogni età, al pari – se non oltre – di luoghi più blasonati.

Cultura, natura, grandi biodiversità mai di massa, arte ed enogastronomia, sono i figli del suo habitat, che concentra secoli di storia in un’anima veneziana disegnata dal Piave e corteggiata dalle Dolomiti, patrimonio UNESCO.

Gli aspri territori rurali, montani e di pianura, dialogano da sempre con l’arte multiforme, al passo con l’oggi, letto e soddisfatto. Le eccellenti geografie vacanziere, incise nel Dna montanaro, si rivelano a misura di qualsiasi aspettativa sportiva – dalla lenta camminata tra i cadini del Brenton al canyoning più bello d’Italia e tra i migliori d’Europa –  ed enogastronomica, formata, per l’80%, da prodotti tipici, arricchibile da una miriade di  approcci esperienziali.

Le proposte di vacanze in Valbelluna nascono da mani che lavorano e raccontano e imprimono emozioni, avvolgendole col calore dell’accoglienza e dell’armonia.

E, questo, è uno dei punti di forza di chi, in questo territorio, opera e vive, facendone fulcro della propria attività.

La Valbelluna non fa clamore, eppure si offre, fiera del suo carattere, con mani cucite da un vissuto antico e magico. Lo fa per vocazione e amore, quando mostra le piccole perle cittadine e le preziose città, incastonate nel bianco e nel verde, vestite di legno e ferro e pietra e filigrana.

O si narra, attraverso le parole di Dino Buzzati, o sfoggia i capolavori di Tiziano e Sebastiano Ricci e Andrea Brustolon, il Michelangelo del legno, solo per citarne alcuni.

O conduce tra le sale di Palazzo Fulcis, gioiello del 1500, a Belluno o alla Galleria d’arte moderna Carlo Rizzarda, con il patrimonio di vetri soffiati, e al Museo Diocesano, a Feltre.

O accompagna  nelle chiese e cattedrali, autentici contenitori d’arte e libri di storia, ancora pulsante e viva.

Così scriveva Buzzati, negli anni 50, sul Corriere della Sera: “Chi sapeva che da Belluno fossero usciti artisti di così alto calibro e, così, attuali?”

Non è da meno Feltre, dove si può stare una settimana e non vedere mai la stessa cosa, ma aver molto da sentir raccontare. Con l’eco di Venezia imbrigliata tra le mura. Né lo è Mel, terzo Borgo più bello d’Italia, dove, ancora, si possono immaginare le gesta eroiche del leggendario Orlando Furioso o le contesse uscire dal Palazzo della Cultura.

La Valbelluna, sintesi di variegate eccellenze, attende chiunque sia disponibile ad apprezzarne le sfumature sensoriali, ma, soprattutto, ad ascoltare i battiti del suo cuore montanaro, aspro e versatile.

ufficioturistico@fondazioneteatridolomiti.it – www.dolomitiprealpi.it –  www.facebook.com/dolomitiprealpi.it

 

Condividi

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag