PREMIATO IL FRIULANO DEL MEDIO FRIULI – con la poesia di Viviana Mattiussi di Pantianicco (UD)

PREMIATO IL FRIULANO DEL MEDIO FRIULI – con la poesia di Viviana Mattiussi di Pantianicco (UD)

 
Il friulano del Medio Friuli è stato premiato in settembre
al biennale concorso nazionale per lingue minoritarie dell’Istituto Culturale
ladino Cesa de Jan del Bellunese, edizione 2015/2016.

Fra oltre cento poesie partecipanti, è salita sul podio la
parlata di Pantianicco con cui la poetessa Viviana Mattiussi ha  scritto i versi che hanno vinto il secondo
premio, la Naghena d’argento.

Si tratta del concorso nazionale per lingue minoritarie di
maggior rilievo.

Motivo di orgoglio per 
il Friuli e per la lingua friulana, spesso poco considerata, ma apprezzata
in ambito nazionale.

 

Viviana Mattiussi così scrive:

Como che il fevelâ dala Gjestra Tiliment al è stât clamât
lenga di aga, jessint di zona umida, cussì nô, che i vin un teren magri, i
podin dî di fevelâ una lenga di cjera, o di claps. Tal furlan di Pantianins a è
la poesia Lenga di cjera, che a à vint la Naghena di arint al concors leterari
nazionâl Mendrànze N Poejia 2015-2016. Si trata di una manifestazion inmaneada
dal Istitut Cultural Ladin Cesa De Jan di Colle S.Lucia (BL) par i idiomis
ricognossûts tant che lenghis minoritaris dal Stât talian. A erin in concors
passa cent componiments in viers, scrits par Cimbri, Furlan, Ladin, Grec,
Ocitan, Provenzâl, Sart, Sloven, Gjermanòfin e atris inmò.  Ogni edizion, tre di lôr a vegnin premiâts
cula Naghena (di oro, di arint e di bronz) o Eliantus Superbus, un flôr di
mont. Par preservâ la sô esistença e la sô bieleça, al è stât declarât specie
proteta.  Duncje al è simbul dali lenghis
minoritaris che a van protetis dala omologazion che a vores falis sparî,
cancelant il pluralisim lenghistic e culturâl. Par chista edizion, tal
centenari dal prin conflit mondiâl, sui cristai naturai che a regin i flôrs al
è encje un fîl spinât, a ricuardâ che la bieleça pura dali montagnis a è stada
insanganada dala guera.

Una atra sezion dal concors a rivuardava temis scrits par
furlan dai arlêfs dali scuelis. Fra una trentina di componiments in gara, il
secont premi al è lât a I misteris dal Tiliment, vignût dala seconda classa di
scuela primaria di Pantianins. A mertin un preseament  chês maestris che a àn preparazion e
cussiença identitaria di sostignî li gnovis gjenerazions tal cognossi e tignî
viva la lenga dala sô int, dal sô paîs.

 

Poesia di Viviana Mattiussi

LENGA  DI  CJERA

La me lenga a ven
dai cjamps –
dai agârs dali cumieris –  che nus àn dât pan e peraulis.

E à colôr di claps e cjera –  La me lenga a ven
dai prâts – 
lârcs e clârs sot dal soreli –  fen seât a stagjonâ – e frutins a grîs cul fros. E à l’odôr dai
graps di fraula – 
e dal most tal caratèl –  e di corsis pal vignâl.

A sa il ghêrp e il dolç dai emui –  di urtiçòns su pai rivài –  e di cecjis di baraç –  e di moris di morâr.

Si spandeva il so
rivoc – 
sot la lobia o tal curtîl –  o sul clap di gnot d’estât –  a contâ lis novitâts.

E compagn a conta
vué – 
di pc o di celulârs –  dvd, file o motôrs.
A no è vecja la
me lenga –
a fevela, a vîf cun nô –  sula bocja e insot tal cour.

E à una storia, un lunc passât –  ma al è fresc il so sunôr. Se i savìn ce tant che a vâl –  a à vigôr par il doman.

 


NOTA
BIOGRAFICA 


Viviana
Mattiussi, risiede a Pinzano al Tagliamento.
Laureata in lettere, già docente nella secondaria superiore, ha
ultradecennale esperienza di redattrice, regista, conduttrice di programmi
radiofonici a Pordenone, anche in lingua
friulana.  Coordina e presenta eventi
culturali e di poesia, è lettrice e animatrice in performances che uniscono
versi, musica, arti visive (3*).

Ha
studiato Arte Della Parola presso
l’Accademia Antroposofica A.Bargero
di Oriago (VE) e nel Gruppo Teatrale Mercur
di Milano, con cui ha recitato.

Ha
partecipato a programmi televisivi di emittenti regionali (1*). Ha prestato la
voce per letture poetiche, nonché nei CD 
A cuore aperto  e  La voce del cuore (2*), pubblicati da  Radio
Voce nel Deserto

Friulana
nell’anima, oltre che all’anagrafe, scrive sia in italiano che in marilenghe.

E’
stata premiata in concorsi poetici sia a carattere regionale (“Emozioni d’inchiostro” segnalaz. 2011,
premio 2012), che nazionale (“Mendrànze n
poejia
” -concorso lingue minoritarie- premio 2016, diploma merito 2010),
che internazionale (“Sledi /Tracce” –
TS, premio 2010, e  Premio Accademia Città di Udine  2015).

Partecipando
a eventi di poesia anche fuori Regione, ha pubblicato i suoi versi, spesso
friulani, in quaderni, raccolte, antologie sia a livello regionale che
nazionale (Ispirazioni d’autunno, Dal
cosmo alla parola, Zoster’s House, Poeti nel Sanvitese,

I poeti e la crisi, e
altri).

Ha
condotto e pubblicato ricerche su storia, memoria popolare, substrato culturale
preindustriale di Pantianicco, paese nativo, parlandone in conferenza all’Accademia Città di Udine nel 2016.

Ha
presentato libri di poesia e prosa a Pordenone e Camino al Tagliamento (UD).

Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag