Pasqua 2011: Torino e la Venarìa Reale

Pasqua 2011: Torino e la Venarìa Reale

23 aprile: Assaggio di Torino, la Dama che ci aspettava a braccia aperte. La prima delizia? La bagna cauda o salsa calda, piatto tipico torinese. Si tratta di una salsa (a base di aglio, acciughe, panna) servita su recipiente scaldato da una candela dove si intingono vari tipi di verdura, cruda e cotta.E poi viaaa a visitare le reali sale di Palazzo Reale, Palazzo Madama e un saluto alla Mole.



Pasqua:

La giornata inizia con un tuffo nell’era egizia, le cui testimonianze incutono riverenza ed ammirazione. Nel pomeriggio, dopo gradito pranzo e sosta per “bicerìn”, su al colle di Superga dove riposano i reali, a parte Re Vittorio Emanuele 3°che gode la propria pace al Pantheon di Roma. D’obbligo una passeggiata al Parco del Valentino e nel suo quartiere medievale. Dopo la cena, Torino By Night, ad ammirare le opere d’arte sui soffitti illuminati delle piazze.







effetto “bicerìn”
Basilica di Superga
Quartiere medievale del Valentino

25 aprile: Venarìa Reale, patrimonio mondiale dell’Umanità.
Reggia di caccia dei Savoia, dopo anni di saccheggi, abbandono e poi di restauro, rifulge dell’antico splendore (1600-1700) facendo trasparire la magnificenza voluta dai reali in quasi duecento anni di tempo necessario alla sua costruzione. Una reggia che si fa ammirare e fa crescere la voglia di ritornare. Da lei, a Torino, a scoprire altre costellazioni di meraviglie.



nel giardino dell’Avenarìa

Nicolò e Arianna, le “mascottine”

Condividi
Tags:
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag