GRANDE CONCERTO INIZIO ANNO sc. Musica “Città di Codroipo” (UD) Teatro benois- 4 gennaio 2014

GRANDE CONCERTO INIZIO ANNO sc. Musica “Città di Codroipo” (UD) Teatro benois- 4 gennaio 2014

 
         http://youtu.be/7bV9Vxtv_y8
         http://youtu.be/8ftTNGpsuXY
L’ASSOCIAZIONE MUSICALE E CULTURALE “CITTA’ DI CODROIPO”, che
gestisce  la scuola omonima,  ha promosso il Grande Concerto di inizio anno,
in sinergia con il Comune di Codroipo.  La scuola di musica è una realtà ormai
radicata nel territorio e, da un anno, collabora con molte altre scuole di
musica della provincia di Udine. Con altre 8 scuole ha dato vita a
MUSICAINRETE, per incrementare la crescita musicale ed umana delle scuole ad
indirizzo orchestrale. Il concerto è
il
suo modo più congeniale per augurare un
                  2014 di ARMONIA, PACE e TANTA BUONA
MUSICA

In
apertura il “VOCAL ENSAMBLE” della Scuola di musica “Città di
Codroipo”, diretto dal maestro  ELSA MARTIN.  Ha interpretato 
tre brani di tradizione natalizia arrangiati in modo particolare.:


S.
Alfonso Maria de’ Liguori         Tu
scendi dalle stelle
(arr.
M. D’Osualdo)    *  
Salvatore
Sini  No potho reposare
Giuseppe Rachel (arr.
Balentes) *   
John Newton   Amazing Grace  (arr.
R.
Fantin)
   


Soprani:
Monica Comisso, Anna Tamburlini  Contralto:
Jessica Cao  Tenori: Jody
Bortolouzzi, Damiano Maiero
Basso: Agata Cudia


ORCHESTRA d’ARCHI  delle scuole di musica ARTEGIOIA di Remanzacco e di S.LORENZO ISONTINO, diretta
dal maestro  Antonella Tosolini


                                                           Hanno interpretato:

Johann  Strauss(figlio) è stato il più celebre membro
di una famiglia di musicisti che per quasi un secolo dominò le scene musicali
viennesi. Noto per la sua attività di compositore di musica da ballo e di
operette, deve la sua fama soprattutto ai suoi walzer tra i quali La rosa del
Sud  dedicato a sua Maestà Umberto I Re
d’Italia e Il Walzer dell’Imperatore dedicato agli imperatori d’Austria e di
Germania.


     J.Srtrauss        
Rosen aus dem suden    J.Strauss          Kaiser Walzer


Farandòle dall’Arlesienne di Bizet é
caratterizzata da due temi contrastanti. Il primo in minore, è un tema di
marcia tratto da una canzone popolare francese del sud, il secondo più vivace
in maggiore ha il carattere della farandola
,una danza della Francia Meridionale                G.Bizet Farandole da “Arlesienne”.


La
musica Klezmer (fusione delle
parole kley e zemer, letteralmente strumento del canto) fonde
in sé strutture melodiche, ritmiche ed espressive che provengono dalle
differenti aree geografiche e culturali(i Balcani, la Polonia e la Russia) con
cui il popolo ebraico venne a contatto. Musica che accompagna feste di
matrimonio, funerali o semplici episodi di vita quotidiana, esprime sia
felicità e gioia che sofferenza e malinconia tipica della musica ebraica. Il
Klezmer contribuirà non poco alla formazione del Jazz quando gli ebrei perseguitati si trasferirono nelle Americhe.


Bulgar from Odessa – Dance of delight- Little
Galitsian dance – Jewish wedding song


Nei paesi di tradizione celtica  la musica comprende un ampio spettro di
generi musicali che si sono evoluti dalle usanze e dalla musica folk dei popoli
celtici citiamo i jig (danze
molto antiche un tempo diffuse in molte parti d’Europa),Reels(danze molto veloci) hornpipe
(danze ritmate derivate dalle danze marinare). Attraverso l’immigrazione
degli scozzesi-irlandesi, la musica celtica ha rappresentato le fondamenta per
la nascita dell’Appalachian folk Music negli Stati Uniti d’America


BRANI: The Wind that shakes the
Barley- The Rocky road to Dublin-Lannigan’s ball- Muineira das Zocas-Three
little boats – Drummond Castle- Muckin’o’Geordies’s Byre-Drowsy Maggie




                                              Componenti l’ORCHESTRA


VIOLINI:
Simone Kodermaz, Davide Raciti, Rachele Caroselli, Rebecca Malisan, Alice
Danelazzo, Margherita Piu, Alessia Papparotti, Irene Micheletti, Rachele
Ortolan, Sofia Pecorari, Gaia Visintin, Lucrezia Scarpini, Mariagrazia
Campanaro, Marco Moretti,Martina Falcicchia  
VIOLONCELLI:
Prof.Lisa Pizzamiglio,Giulia Favero    
CHITARRE:
Andrea Micheletti, Francesco Durì, Niccolò Scarpini, Alberto Cagnetta,
Prof.Martina Gereon 
BASSO
ELETTRICO:Rachele Zoffi   
PERCUSSIONI;Andrea
Caporale,Marco Tosolini

PIANOFORTE:Caterina
Roiatti, Annalisa Moretti

  

L’orchestra
giovanile della Scuola di Musica “Città di Codroipo” diretta dal maestro
Giorgio Cozzutti.

 

Nel
corso del 2013, anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, la
Scuola di Musica “Città di Codroipo” ha realizzato un progetto interamente dedicato
al compositore italiano più conosciuto nel mondo. Durante il Grande Concerto presenta una
scelta dei brani più suggestivi e popolari che sono ormai tradizione del
concerto di capodanno trasmesso  dal
teatro la Fenice di Venezia.

Giuseppe
Verdi (1813-1901)          “O signore dal
tetto natio” da I Lombardi alla prima crociata          
Vedi! le fosche notturne” da Il
trovatore”

“Va,
pensiero” da Nabucco

Nabucco(Nabucodonosor)

Va’, pensiero, sull’ali dorate.
Va’, ti posa sui clivi, sui coll,
ove olezzano tepide e molli
l’aure dolci del suolo natal!
Del Giordano le rive saluta,
di Sionne le torri atterrate.
O mia Patria, sì bella e perduta!
O membranza sì cara e fatal!

Arpa d’or dei fatidici vati,
perché muta dal salice pendi?
Le memorie del petto riaccendi,
ci favella del tempo che fu!
O simile di Solima ai fati,
traggi un suono di crudo lamento;
o t’ispiri il Signore un concento
che ne infonda al patire virtù
al patire virtù!

Il concerto prosegue con alcuni brani del tradizionale concerto di capodanno di Vienna dei compositori Johann Strauss figlio e Tchaikovsky.

Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840-1893) Trepak da Lo Schiaccianoci  Valzer da La bella addormentata             Johann Strauss figlio           Sul bel Danubio blu
 Sotto tuoni e lampi

 Rapsodia di brani natalizi proposta dal coro lirico preparato dalla prof. Paola Lazzarini e accompagnato dall’orchestra.

                     “La vergine degli angeli” da La forza del destino 
             Elena Bazzo, soprano      http://youtu.be/8ftTNGpsuXY
                                     “Libiamo ne’ lieti calici” da La traviata
                              Elena Bazzo, soprano  Marco Feltrin, tenore

                                                  Direttore, Maestro Giorgio Cozzutti

                                          

              Ensamble finale delle tre orchestre: Codroipo, Remanzacco, S. Lorenzo Isontino

                                                                     Coro lirico

                                                   I volti dell’emozione soddisfatta 

Ovazione del pubblico e  Radesky March da manuale. Meglio della Philharmonica di VIENNA.

 
                                                   DENTRO il cuore della grande musica.

Sentirne i battiti, contarli, con l’ incredulità di un
sogno ancora nemmeno immaginato… beh! richiederebbe il vocabolario degli angeli
per esprimerla. Averne varcato la soglia, per me, è dono senza pari.

 

Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag