FESTA di NATALE alla SCUOLA INFANZIA RIVOLTO: 21 dice 2012

FESTA di NATALE alla SCUOLA INFANZIA RIVOLTO: 21 dice 2012

 I “Grandi” interpretano i personaggi della storia “Le campane di Natale”

                                                    Regina Denise e re Michele

                                             le sarte davanti a Gesù bambino

                                                Le mendicanti e il presentatore Nicolò

                            La bontà vince sempre e le campane suonano…finalmente

                                               Babbo Natale in persona è qui

                                ascolta ben felice le canzoni e le poesie di Natale, anche in friulano e inglese

                                                       

                                                     con le maestre

                                                    e poi si aprono i doni

                                                       quanti libri…

                                                      Momenti magici

                                               ed ecco Babbo Natale che saluta

                                                       andando oltre la porta…
            

Natale 2012

DONO DEI GRANDI A tutti gli AMICI
                                                                                 

                               LE CAMPANE
DI NATALE…Il regalo più bello

 

Narratore:
“C’era una volta un paese che aveva un problema: il campanile era senza
campane.  E quando arrivava Natale la
gente era triste. Un giorno, i più coraggiosi, andarono dal Re a chiedergli di
risolvere il problema.

OSTE:  Sta per arrivare Natale e il nostro campanile
non suonerà a festa.

PANETTIERI:
VOGLIAMO LE CAMPANE

SARTE: Tutti i
paesi hanno le campane, tranne noi

OSTE: Siamo
stufiiii

RE: Va bene.
Ho capito. Fabbroooo

FABBRO: Sì,
maestà

RE: Hai
sentito cosa dice la gente?

FABBRO: Sì,
Maestà

RE: Voglio che
tu costruisca delle bellissime campane

FABBRO:
Maestà, io faccio le zappe, le vanghe, i falcetti, non ho mai fatto campane…

RE: Non
importa: falle lo stesso. E le voglio pronte per Natale. E’ un ordine del re e
della regina.

FABBRO: Sì,
maestà.
Le campane
sono fatte di bronzo, questo lo so, ma come faccio a farle bene?

NARRATORE:
Mentre era così preoccupato apparve un angelo

ANGELO: Non ti
preoccupare. Tu costruisci le campane. Quando saranno finite devi dire al re
che suoneranno solo quando la gente porterà a Gesù il regalo più bello.

AMICO DELL’ANGELO:
Io volo in tutte le case ma non faccio campane…

RICCARDO: Ma
chi era? Una fata?

SARA: Forse un
angelo…

        NARRATORE: Il
fabbro cominciò a lavorare… e poi portò le campane al re.

RE: Bravo
fabbro!

FABBRO: Grazie
Maestà. Ti dico un segreto. Le campane suoneranno solo quando Gesù riceverà il
regalo più bello

RE: Non c’è
problema.  Voi, gente, ascoltatemi bene.
Portate a Gesù il regalo più bello. Sono stato chiaro? E’ un ordine del re e
della regina.

VECCHIETTE:  Siamo molto povere. Fate la carità

SARTE:  Scusate, non abbiamo tempo per voi adesso.
Dobbiamo portare il regalo più bello a 
Gesù. Ciao

          NARRATORE: La
gente andava da Gesù e gli portava tanti regali. Ma le campane non suonavano

VECCHIETTE:
Signore…per favore…fate la carità

PANETTIERE:
Ssst, non disturbare

SARA e RICCARDO:
Non abbiamo niente per voi

           NARRATORE: La
gente portava tanti regali ma…le campane non suonavano.
 Il
RE e la REGINA portano a Gesù il loro regalo d’oro. Ma le campane non suonavano

RE: Fabbroooo,
vieni qui.

FABBRO: Sì
maestà

RE: Sei un pasticcione.
Le campane non suonano anche se io ho portato il regalo tutto d’oro

            NARRATORE:
Tutti tornarono a casa tristi e delusi. 
Dei bambini
andarono dal fabbro per farsi raccontare la storia delle campane che non
suonavano. E decisero di fare qualcosa.

RICCARDO:
Perché non portiamo a Gesù il nostro salvadanaio?

SARA: Che se
ne fa Gesù del nostro salvadanaio?

RICCARDO: Potrebbe
comprarsi il regalo più bello

SARA:  D’accordo. Andiamo.

NARRATORE:
Sara e Riccardo volevano portare il loro salvadanaio a Gesù. Passarono  davanti alle vecchiette…

VECCHIETTE:
Nessuno si accorge di noi. Pensano tutti alle campane che non suonano

RICCARDO e
SARA e BAMBINI: Tenete i nostri risparmi

VECCHIETTE:
Oh! grazie bambini… siete molto gentili e generosi.

          NARRATORE: I
bambini andarono da Gesù ma non avevano niente da regalargli. Stavano quasi per
piangere. Ma in quel momento…LE CAMPANE COMICIARONO A SUONARE…

  DIN DEN DON    DIN DEN DON 
DIN DEN DON

                                          

Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

NATALE 2017 …Magia di affetti

                                                                    NATALE 2017 DIN DON DAN    DIN DON DAN  ...

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag