a TOPPO di TRAVESIO (UD) Poesie nella lingua del Cuore – 25 ottobre 2014

a TOPPO di TRAVESIO (UD) Poesie nella lingua del Cuore – 25 ottobre 2014

 Mostre di pittura                                           Irene Urli


Patrizia Pizzolongo e Pierina Gallina, poetesse

 Luigina Lorenzini e Marta Roldan, poetesseIrene Urli, poetessa, di Rivolto (UD)


Elisa Mattiussi, poetessa                                             Silvana Paletti, poetessa di Resia

 Patrizia Pizzolongo, Irene Urli, Viviana Mattiussi, Elisa Mattiussi, Luigina Lorenzini, Pierina Gallina, Fernando Gerometta

 
 L’importante è parlare qualsiasi lingua, perché solo se abbiamo un’identità salda possiamo rapportarci con tutto il mondo (Pre Beline) NON OMOLOGHIAMOCI!
Grazie per l’accoglienza e per l’invito!

 La mia poesia:
LA
MARAVEE DE  MARILENGHE

Vutu
meti un SBIT di furlan cul Little inglés o un Bisschen todesc?

E un
CRIC al puest di interruttore o “Colpo di frusta?”

E un
SCLAC di gjaline cuntun “escremento di pollo”?

Sarà
plui nostran un frut cul SGNACAI 
che  cul muco  nasional!

A
proposit di  “FRUT”, in furlan… frutto
dell’amore, in talian, Bambino, cel volie dìsi?

La  gjionde dal SCREÂ un vistit gnouf pa la  messe

di
sigûr nol tache  cul  “Incignare” 
talian.

E il
Garbìn dal Garda, siôr di burlac, lu cognòssino a  Rome?

Pote
pote,  son robononis di contasi dome par
furlan, la nestre marilenghe

Sclete
o mulisìne, dipent da lis ocasions,

cu la
berghele o il cidinôr, je bune di rivâ fin là dal Signôr

                      e a fâ  capì ogni cuestion pa la miôr.

Intalis  flabis po’… e je fenomenâl.

Di no
crodi ai crots e a lis savis  plens
d’amor

che di
prime matine a fasin il levan cul pancôr.

E al
lôf  i dan un toc di pan, cence padiele,
ma cun tant onôr. 

E lui,
cence batule, al glot che cuccagne,

content
di no vê pui la panse sclagne.

Po’,
si met a sunà il liron, e fin il cuc lu scolte,

la
copasse lu cjale e il farc j smicje  il
voli plui di une volte.

E
boséne la strie  su e ju par che
stradele,

duro
il spagnolèt e ancje la curdele.

Par
sparniçâ miôr i striaments je e bêf  di
neri un taiut

 che al fâs cjanta fintremai  un mut.

 Po’, cu la vôs di cjochele,  a cjape e a va a durmì,

par
sveasi, di buride,  al cricâ dal dì.

Condividi
pierina gallina

pierina gallina

Ho un nome e un cognome che non si dimenticano. Sono appassionata di scrittura, poesia, viaggi, libri e persone, in particolare bambini e saggi. Ho pubblicato cinque libri e sono una felice nonna di 7 nipoti, da 6 a 18 anni, mamma di tre splendide ragazze, e moglie di un solo marito da quasi 50 anni. Una vita da maestra e giornalista, sono attratta dalla felicità e dalla medianità, dallo studio della musica e degli angeli. Vi racconto di libri, bambini, nonni, viaggi, e del mio Friuli di mezzo, dove sono nata e sto di casa, con i suoi eventi e i suoi personaggi. Io continuo a scrivere perchè mi piace troppo. Spero di incontrarti tra i fatti e le parole. A rileggerci allora...

YOU MIGHT ALSO LIKE

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti
Archivi
Categorie
Tag